Spesa pubblica, il disastro italiano in dieci punti (da Linkiesta – 01.07.2014)

Con la nostra dataviz Eurospending abbiamo confrontato la spesa italiana con quella dei Paesi Ue Francesco Cancellato e Isabella Rota Baldini TIZIANA FABI/AFP/Getty Images INDICE ARTICOLO Spesa totale: un continente con le mani bucate Welfare: le pensioni si mangiano tutto Politica e burocrazia: meno costa, più è efficiente Sanità: tanta spesa, poca tecnologia Istruzione: Italia maglia nera…

“LA RIFORMA DEL SENATO” di Francesco Occhetta S.I. – “La Civiltà Cattolica” n. 3934 del 2014

La riforma del Senato è all’ordine del giorno nell’agenda parlamentare da circa 30 anni. La proposta fatta dall’attuale Governo, che presenta molti punti di continuità con i testi di riforma falliti, come la riduzione del numero dei senatori e l’abolizione del bicameralismo perfetto, pone due elementi di rottura: la composizione e la natura del Senato.…

“MICHELLE BACHELET PER UN NUOVO CILE” di Paola Bertelli*

Michelle Bachelet presso la OECD *http://www.ilcaffegeopolitico.org/17128/michelle-bachelet-per-cile L’undici marzo Michelle Bachelet ha inaugurato il suo mandato presidenziale. Eletta per la seconda volta, torna al potere promettendo riforme strutturali a livello politico, economico e sociale.Approfondire l’integrazione a livello regionale rimane il punto focale in politica estera, anche se restano in sospeso questioni territoriali con i Paesi vicini.…

Renzi: Ora aiuti alle famiglie e lotta alla burocrazia. “Via subito il segreto sulle stragi. Al voto nel 2018” (da la Repubblica – 20.04.2014)

  Intervista al presidenza del Consiglio. “Per fare tutto questo serve tempo, ma scommetto che questa legislatura durerà fino al 2018. E lo sa anche Berlusconi, anche se in pubblico dice altro” di CLAUDIO TITO IO VOGLIO RIDARE fiducia all’ Italia. Voglio che a Bruxelles e nelle altri capitali dell’ Unione si dica: “Ecco, finalmente l’…

“LA DOPPIA MAGGIORANZA” di Andrea Morrone*

*http://www.rivistailmulino.it/news/newsitem/index/Item/News:NEWS_ITEM:2521 Il governo guidato da Matteo Renzi ha attirato l’attenzione dell’opinione pubblica soprattutto per la composizione della maggioranza e per le logiche che hanno condizionato la scelta di ministri e sottosegretari, entrambe nel senso della sostanziale continuità con la storia politica della Prima e della Seconda Repubblica…

“L’ORA DELLA VERITA'” di Marc Lazar*

*http://www.rivistailmulino.it/news/newsitem/index/Item/News:NEWS_ITEM:2509 Per Matteo Renzi ha inizio la fase più dura. Sin qui si è rivelato un formidabile animale politico, in linea con le attese di tanti italiani non solo di centrosinistra, mostrandosi capace di rispondere perfettamente alla loro richiesta di un uomo nuovo…

De Luca: «Io ministro del governo Renzi? Sto bene a Salerno, non chiedo niente» (dal Corriere del Mezzogiorno – 17.02.2014)

Il sindaco: «Sostengo Matteo perchè deve dare svolta. Anzi riduca gli incarichi e punti alla sburocratizzazione» SALERNO – «Sostengo Renzi con convinzione, spero voglia anche ridurre compagine parlamentare e resista ai ricatti. Soprattutto quelli dei piccoli partiti». Vincenzo De Luca convoca una conferenza stampa per tracciare il bilancio sulla sua attività da viceministro. E dice: «Voglio…

Cercansi ministri (all’altezza però) (dal Corriere della Sera – 17.02.2014)

LE DIFFICOLTÀ DOPO LE ATTESE MESSIANICHE di Gian Antonio Stella «Abbiamo un problema solo: l’enorme abbondanza nel centrosinistra di persone d’altissima qualità», ammiccò Massimo D’Alema alla vigilia del voto del 1996. Non era così. E si sarebbe visto in fretta. Così come si vede oggi. Mica facile, allestire un governo all’altezza di guidare un Paese…

Renzi non aspetta la Befana per scuotere il Palazzo (da Linkiesta – 02.01.2014)

RIFORME SUBITO NONOSTANTE LE VACANZE Il segretario scrive ai leader politici. Un tris di proposte per chiudere sulla legge elettorale Marco Sarti Interviste sui giornali, annunci alle televisioni, newsletter online. Stamattina Matteo Renzi ha persino inviato una lettera ai leader dei principali partiti italiani. Chi si aspettava una netta accelerazione al dibattito politico sarà soddisfatto.…

Non basta dire no ai populisti (dal Corriere della Sera – 04.11.2013)

L’ ONDATA DI MALESSERE ANTI EUROPEO di Angelo Panebianco Nelle capitali europee è oggi allarme rosso: molti partiti antieuropeisti, secondo i sondaggi, potrebbero trionfare nelle prossime elezioni europee. In Francia, in Gran Bretagna, in Olanda, ma forse anche in Italia, in Austria e in altri Paesi ancora, gli antieuropeisti potrebbero ottenere più consensi dei partiti tradizionali.…

Legge stabilità, né stangata né frustata (da la Repubblica – 16.10.2013)

di MASSIMO GIANNINI La prima legge di stabilità della Grande Coalizione all’italiana riflette i limiti della strana maggioranza che l’ha prodotta. Non si può giudicare rivoluzionaria: non aggredisce il Leviatano della spesa pubblica improduttiva e non aziona le leve di un’economia competitiva. Ma non si può neanche definire rinunciataria: azzarda qualche timido tentativo di introdurre…