Renzi: la mia agenda dei mille giorni «Italia commissariata? Non esiste» (dal Corriere della Sera – 13.07.2014)

L’INTERVISTA Non vivo nel terrore dei mercati e i banchieri non ci facciano lezioncine. Io maschilista? Forse lo sono i giudici che al Csm eleggono una sola magistrata di Maria Teresa Meli ROMA – Polo viola, jeans, sneakers , il presidente del Consiglio è loquace e sarcastico come sempre: «Scusi se la ricevo così, ma tanto qui…

Renzi avvia la riforma Pa su tre pilastri: “Capitale umano, tagli e open data” (dala Repubblica – 30.04.2014)

VIDEO. Il governo “punta a un cambiamento radicale nella Pa”. Renzi preferisce “un disegno di legge”, da portare nel Cdm del 13 giugno. “Spazio per l’assunzione di diecimila giovani”, il premier precisa: “Non c’è un tema di esuberi”. Via al ruolo unico dei dirigenti, possibile licenziamento per quelli senza incarico. Tetto a 40 Prefetture, permessi sindacali…

Il bonus Irpef ritoccato a 80 euro. Pagano le banche, salva la Sanità. Slitta l’intervento per gli incapienti (da La Stampa – 18.04.2014)

Per i redditi fra i 18mila e i 24mila euro l’anno (1200-1500 euro netti al mese) il bonus sale da 620 a 640 euro. Renzi: presto misure per chi è sotto gli 8 mila. La tassa per la rivalutazione delle quote in Bankitalia passa invece dal 12 al 20% ANSA – Il presidente del Consiglio Matteo Renzi con…

Nomine, gli italiani lo fanno peggio. Per l’Ocse al top Svezia, Israele Nuova Zelanda (da Il Fatto Quotidiano – 15.04.2014)

La procedura è migliorata diventando più trasparente dopo le misure introdotte prima da Letta e poi da Renzi. Ma a Stoccolma, Tel Aviv e Wellington la scelta di presidenti, amministratori e dirigenti spetta ai governi solo dopo una lunga serie di procedure. Vigilanza e ‘doppia approvazione’, ecco tutte le buone pratiche consigliate. E applicate solo…

Taglio Irpef, le valutazione dell’Istat: sconto di 714 euro l’anno per i più poveri. Sgravi anche per 620 mila imprese (da La Stampa – 15.04.2014)

I calcoli sulle detrazioni previste nel Def del governo Renzi. Benefici anche per le famiglie più ricche: 451 euro di guadagno. Coinvolte nelle misure il 72,2% delle aziende. Ma preoccupa l’occupazione Il preannunciato taglio della pressione Irpef sul lavoro dipendente si tradurrà in un «guadagno medio annuo per beneficiario pari a 714 euro per le famiglie…

«E tu cosa taglieresti?»: campagna online la prossima tappa di Renzi (dal Corriere della Sera – 09.04.2014)

«Chiederemo ai cittadini di segnalare gli sprechi» di ALDO CAZZULLO «I gufi sono serviti. Ai professionisti della sfiga è andata male anche stavolta. Non hanno capito una cosa fondamentale di me: io non sto fermo. Appena raggiungo un obbiettivo, rilancio subito. È così che faremo la nostra rivoluzione. Avevano scritto e detto che avrei tagliato la…

Il governo presenta il Def: crescita frena allo 0,8%. Da risparmi e privatizzazioni 16,5 miliardi (da la Repubblica – 08.04.2014)

Tagliate le stime sul Pil presentate dal governo Letta. Renzi: “Spero di essere smentito”. Il deficit diminuisce più lentamente del previsto, ma resta lontano dal tetto del 3% fissato dai parametri europei. Altri 13 miliardi per i pagamenti dei debiti della PA di GIULIANO BALESTRERI Lo leggo dopo MILANO – Il governo taglia le stime di…

La riforma del Senato non è perfetta, ma serve rottura (da Linkiesta – 06.04.2014)

Cambiare il Senato avendo come legge elettorale l’Italicum è un rischio. Che però bisogna correre Nicola Salerno “Assurdo e ingombrante”; già negli anni ’60 il costituzionalista Vezio Crisafulli definiva così il bicameralismo italiano, riferendosi ai lunghi tempi di gestazione delle leggi e alle pratiche di “boicottaggio” che i riesami incrociati rendevano possibili. Il dibattito sul…

Christine Lagarde bacchetta l’Italia: “Sul lavoro delle donne siete i peggiori”. Renzi? “Programma ambizioso…” (da l’Huffington Post – 04.04.2014)

“Il vostro è uno dei Paesi della zona euro che incoraggiano meno la partecipazione delle donne al mercato del lavoro”. Un cambiamento di rotta “potrebbe avere effetti benefici sulla produzione di reddito aggiuntivo e, quindi, sull’uscita da un periodo di stagnazione”. Così il direttore del Fmi Christine Lagarde, in un’intervista al Corriere della Sera, invita ad incentivare…

Un patto tra Governo e Parlamento (da La Stampa – 01.04.2014)

EDITORIALI LUIGI LA SPINA È un passaggio cruciale e molto difficile. Renzi, a tutti i costi, deve rispettare il suo programma di riforme, anche perché gli annunci fatti con uno spiegamento di propaganda mediatica tambureggiante sono stati tali da suscitare nell’opinione pubblica attese quasi miracolistiche. Incoraggiato, da ultimo, persino dal presidente della più importante potenza…

Il complesso del tiranno (dal Corriere della Sera – 01.04.2013)

NON C’È NESSUNA DERIVA AUTORITARIA di PIERLUIGI BATTISTA Difficile spiegare a uno straniero dell’Occidente liberaldemocratico che la fine del bicameralismo perfetto, fortunatamente sconosciuto nel suo Paese, sia visto in Italia come l’anticamera di una mostruosa «deriva autoritaria». O che un ragionevole rafforzamento dei poteri del capo del governo sia il primo passo dello sprofondamento negli abissi…

Il piano del governo per fermare le spese folli delle Regioni (dal Corriere della Sera – 17.03.2014)

SPESA PUBBLICA Nel disegno di legge tagli ai gruppi consigliari e uno stop alle ambasciate «estere» locali di Sergio Rizzo Tifiamo tutti perché le barbatelle di Rauscedo, frazione del comune di San Giorgio della Richinvelda in Provincia di Pordenone, continuino a spopolare fra i viticoltori dell’Azerbaigian. Fatto di cui va giustamente orgogliosa Debora Serracchiani, al punto…

Il segretario si muove sul doppio scenario tra urne e coperture (dal Corriere della Sera – 13.03.2014)

LA NOTA Le elezioni europee come orizzonte per legittimare la leadership di Massimo Franco L’orizzonte del governo di Matteo Renzi è doppio. Il primo sono le elezioni europee di fine maggio, dalle quali il premier vuole ottenere una legittimazione popolare: quella che oggi gli manca e gli pesa. Il secondo è l’orizzonte europeo, che cerca di…

Renzi nomina nel sottogoverno il magistrato Cantone e gli spiana la strada come l’anti-De Luca nel PD per le regionali campane (da Salerno in Web – 12.03.2014)

Il giudice campano Raffaele Cantone, icona anti-casalesi, è stato nominato a capo dell’Autorità contro la corruzione dal nuovo Premier Renzi. Il magistato operava in Cassazione dopo essere stato il pm che ha falcidiato il clan dei casalesi, facendo arrestare l’ora ergastolano Sandokan Schiavone, ed adesso si appresta ad affrontare un altro ruolo di grande spicco…

De Luca spera nel ripescaggio. Patto con Cozzolino (da Cronache del Salernitano – 12.03.2014)

di Andrea Pellegrino Vincenzo De Luca ci spera ancora. L’obiettivo Governo resta al centro della sua strategia politica che punta poi alla candidatura Governatore della Campania. Così non è escluso che il nome di Vincenzo De Luca torni sul tavolo di Matteo Renzi che, al momento, mantiene ancora quella delega (coesione territoriale) strappata al sindaco…