La guerra petrolifera e la supremazia in Medio Oriente (da Linkiesta – 02.07.2014)

Mossadeq

petrolio iraq

(JOE RAEDLE/Getty Images)

Ad inizio 2014, esaminavamo la “guerra petrolifera” che il fronte sciita di Iran e Iraq si accingeva a muovere al nemico, l’Arabia Saudita, leader dell’Opec e punto di riferimento del fronte sunnita nello scontro in atto in Medio Oriente. I loro piani aggressivi, che nei prossimi anni puntano ad accrescere notevolmente la produzione ed esportazione di idrocarburi, hanno una finalità economica, ma soprattutto quella di indebolire l’influenza araba sul piano geopolitico. La “guerra petrolifera” degli sciiti potrebbe rappresentare un game changer nello scontro con i sunniti per la supremazia in Medio Oriente.

Tutti gli eventi chiave degli ultimi anni in Medio Oriente, sia a livello energetico che a livello strategico-militare, sono in qualche modo riconducibili allo scontro tra persiani e sauditi. Se nel passato gli ultimi hanno potuto contare su una notevole capacità di influenzare a loro favore la posizione delle potenze occidentali sulle questioni dell’area, i primi hanno però mostrato una capacità di resistenza non comune. Lo scenario sembra però in evoluzione. Gli iraniani sono particolarmente attivi e dinamici e sembrano puntare a scompaginare il vecchio equilibrio che li ha mantenuti nell’isolamento per anni.

 

petrol

LEGGI ANCHE

 

Dopo decenni di isolamento e guerre che hanno limitato le prospettive di sviluppo di Iran e Iraq, l’aumento delle esportazioni di idrocarburi può rappresentare per costoro uno strumento essenziale per tornare a crescere. La leva petrolifera rappresenta però un’arma strategica, in passato utilizzata spesso anche come strumento alternativo alle guerre tradizionali. I sauditi, ad esempio, in passato hanno innescato un crollo dei prezzi nel mercato allo scopo di indebolire Ahmadinejad e sottrarre risorse alla sua aggressiva politica esterna. Se nei prossimi anni Iran e Irak riuscissero effettivamente a realizzare maggiori esportazioni di gas e soprattutto petrolio, ciò si rivelerebbe verosimilmente un gioco a somma zero a svantaggio dell’Arabia Saudita, in quanto essa probabilmente sarebbe costretta ridurre le proprie.

Nel nuovo scenario energetico di lungo termine, caratterizzato da eccesso di offerta per la scoperta di nuove tecnologie non convenzionali (tight oil e shale gas), per l’emergere di nuove potenze al di fuori dell’Opec (es. Brasile e Kazhakistan) e per un tasso di crescita della domanda in calo, rubare quote di mercato importanti, per l’Iran si tradurrebbe automaticamente in un indebolimento dell’Arabia Saudita, sia sul fronte della stabilità interna e sia su quello esterno, e dunque in un rafforzamento nei suoi confronti. Per entrambi i Paesi, infatti, i ricavi derivanti dall’export petrolifero sostengono l’ordine sociale interno, dando linfa al sistema di welfare, e la loro influenza geopolitica esterna, finanziando i movimenti di riferimento nelle principali aree di instabilità, dove si giocano le partite più importanti del Medio Oriente (es. Hezbollah in Libano, Hamas in Palestina e lo stesso Isis in Siria e Iraq).

Non va trascurato neanche il fatto che, in una simile situazione, i piani iraniani e iracheni accelererebbero il venir meno dell’interesse strategico degli Stati Uniti per la capacità produttiva in eccesso dell’Arabia Saudita, storicamente utilizzata per garantire la stabilità dei prezzi in caso di shock di offerta e in futuro sempre meno essenziale per il probabile scenario di eccesso di offerta. L’interesse degli Usa per l’uso di capacità ha rappresentato la fonte primaria dell’influenza dei sauditi sulle potenze occidentali e ne ha garantito una “rendita geopolitica” in Medio Oriente, ottenuta grazie alla copertura americana.

La reazione dei Sauditi

La reazione saudita non sembra però essersi fatta attendere troppo. Gli ultimi eventi in Iraq potrebbero essere letti in questa chiave, in quanto dietro l’avanzata dell’Isis si intravede la regia e il sostegno dell’Arabia Saudita. Un obiettivo potrebbe essere anche quello di impedire, o comunque rallentare, l’aumento della produzione esportata di greggio iracheno. Oggi la produzione di petrolio in Iraq è pari a circa 3 milioni di barili/giorno ma il governo ha dichiarato di volerla triplicare nel lungo termine (Tabella 1) passando a circa 9 milioni (la produzione Opec è oggi pari a 30 milioni), con effetti destabilizzanti nell’Opec, specie se considerati insieme agli ambiziosi piani iraniani.

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...