Pochi fondi alla cultura. Un destino di povertà (dal Corriere della Sera – 24.06.2014)

In un saggio di Giovanni Solimine i numeri del declino italiano

DiStefanodi Paolo Di Stefano

A un certo punto, nel suo nuovo libro, Senza sapere (Laterza), Giovanni Solimine scrive che si fa fatica a credere ad alcuni dati sulla cultura in Italia. Prendete questo: «Secondo Save the Children, più di 300 mila ragazzi di età inferiore ai 18 anni, residenti nelle regioni meridionali, non hanno mai fatto sport, non sono mai andati al cinema, non hanno mai aperto un libro o acceso un computer». E questi altri: nel 2011 la quota di italiani tra i 25 e i 64 anni con almeno il diploma di scuola secondaria superiore era del 56% rispetto a una media europea del 73,4%; e solo il 15% degli italiani adulti (25-64 anni) ha raggiunto un livello di istruzione universitaria, mentre nei Paesi Ocse il dato medio è più del doppio. Il paradosso dei paradossi è che i laureati italiani, pur essendo pochi, restano disoccupati e devono trasferirsi all’estero per trovare un’attività degna delle loro aspettative (siamo in quartultima posizione nella graduatoria dell’incidenza dell’occupazione culturale).

Ovviamente, se il titolo di studio non serve a trovare lavoro, i giovani che si iscrivono in università diminuiscono: nel 2013-2014 gli immatricolati sono stati quasi 68 mila in meno rispetto all’anno accademico 2002-2003. Tralasciamo l’andamento della lettura di libri e giornali, che continua a declinare persino tra i lettori cosiddetti forti. E lasciamo stare anche il fatto che il museo italiano più visitato (gli Uffizi) figura al ventunesimo posto nella classifica mondiale. Si sarà capito che il libro di Solimine, che insegna Biblioteconomia alla Sapienza ma è un indagatore attento del nostro «mercato» culturale, è una miniera di informazioni, ma è soprattutto un grido d’allarme: «I dati ci descrivono un’Italia priva di conoscenze e di competenze, un Paese “senza sapere”. Siamo talmente ignoranti da non comprendere perfino quanto sia grave e pericoloso il nostro livello di ignoranza, e da non correre ai ripari».

Clicca qui per leggere il resto dell’articolo

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...