“L’ITALIA SALVERA’ L’EUROPA?” di Gianfranco Viesti*

Layout f

*http://www.rivistailmulino.it/news/newsitem/index/Item/News:NEWS_ITEM:2613

Una delle principali conseguenze delle recenti elezioni europee è che il ruolo dell’Italia in Europa nei prossimi mesi sarà di fondamentale importanza. Forse storicamente decisivo. Esito niente affatto scontato; ancora pochi mesi fa del tutto imprevedibile.

Frutto non solo del calendario, con il prossimo semestre di presidenza. Ma soprattutto del voto: con il forte consenso al PD di Renzi e la generalizzata saggezza degli elettori mediterranei (che hanno respinto sirene estreme); il successo degli euroscettici: sensibile ma fortunatamente non decisivo, grazie anche alle loro divisioni per paese e lungo linee politiche; le forti convulsioni interne nel Regno Unito e in Francia (che indeboliscono in particolare quest’ultima); lo scarto fra la stabilità del voto tedesco e quello in quasi tutti gli altri Stati membri.

All’attuale governo italiano il voto europeo consegna un evidente mandato: trovare entro fine anno il consenso intorno a una ragionevole modifica delle tetragone regole dell’austerità europea.

Una modifica che possa accompagnare – almeno a partire dal 2015 – qualche prospettiva di ripresa dell’occupazione, e quindi di consenso popolare per l’Europa. Prima che sia troppo tardi. Facile dire: è impossibile, la Germania non accetterà mai. Ma altrettanto facile ritenere che così non si potranno che acuire i rischi “catastrofici” che l’Unione sta già correndo.

Allo stesso Paese che meno di tre anni fa era divenuto l’anello più debole della catena comunitaria, spetta oggi la riscoperta del suo ruolo di grande fondatore. Saprà esercitarlo? Speriamo di sì. Ma è  difficile prevederlo, visto che per ironia della sorte questo ruolo spetta ad un esecutivo con rilevanti tratti di originalità.

Un governo con notevolissime capacità di marketing e di convinzione degli elettori, capace di ottenere una strabiliante fiducia politica; allo stesso tempo privo di una solida base programmatica, tecnicamente di grande modestia. Sostenuto da quello che è diventato un partito fondamentale all’interno della famiglia socialista europea, ma che allo stesso tempo sta conoscendo, apparentemente, una totale deriva leaderistica.

Nel PDR, come lo definisce argutamente Ilvo Diamanti, dovrebbe essere fortissimo il lavorio per fornire all’esecutivo strumenti, contenuti, proposte, alleanze, da spendere nella difficilissima trattativa europea; forse c’è, solo è difficile rendersene conto dal di fuori, nascosto dal rumore di un instancabile lavorio per riposizionare i singoli in nuovi assetti di potere forse destinati a durare a lungo…

Per leggere l’articolo in formato integrale vai a 

http://www.rivistailmulino.it/news/newsitem/index/Item/News:NEWS_ITEM:2613

3.06.2014

di Gianfranco Viesti

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...