La disoccupazione resta al top al 12,7%. Ma c’è un rimbalzo degli occupati (da la Repubblica – 30.04.2014)

L’Istat diffonde i dati provvisori per marzo, con il tasso di disoccupazione che resta ai massimi delle serie storiche. Rivisti al 12,7% anche i dati di gennaio e febbraio. Tra i giovani il tasso di disoccupazione è al 42,7%. Segnale positivo dalla ripresa degli occupati, 73mila in più del mese precedente con un tasso che sale al 55,6%

A favore dell’ottimismo gioca invece il fatto che per la prima volta in questa fase della crisi si registra un’inversione di tendenza nell’andamento dell’occupazione. A marzo gli occupati sono infatti 22 milioni 356 mila, in aumento dello 0,3% rispetto al mese precedente (+73 mila), ma pur sempre in diminuzione dello 0,6% su base annua (-124 mila). Il tasso di occupazione, pari al 55,6%, aumenta di 0,2 punti percentuali in termini congiunturali ma diminuisce di 0,2 punti rispetto a dodici mesi prima. Risalendo le serie storiche, per ritrovare una precedente variazione positiva del tasso di occupazione bisogna arrivare al giugno 2013 (+0,1 punti percentuali), mentre il livello di occupazione aveva rimbalzato l’ultima volta nel febbraio del 2013. Scendono di contro i disoccupati, a 3 milioni 248 mila, in calo dello 0,2% rispetto al mese precedente (-5 mila) ma in aumento del 6,4% su anno (+194 mila).

L’Istituto di statistica, che ha diffuso i dati provvisori, ha rivisto i dati destagionalizzati dei mesi di gennaio e febbraio, portandoli al 12,7% di tasso di disoccupazione, a seguito di una revisione del modello statistico di riferimento. Il tasso di disoccupazione dei 15-24enni – sempre a marzo – è al 42,7%, sostanzialmente stabile rispetto al mese precedente ma in aumento di 3,1 punti nel confronto annuo. Anche nel caso dei giovani, gli economisti hanno rivisto i dati destagionalizzati di gennaio e febbraio, indicando rispettivamente il 42,9% e il 42,8% come tasso di disoccupazione. In cerca di occupazione sono in 683mila, che significa l’11,4% sul totale della popolazione in quella fascia di età.

Segnale positivo anche dal fatto che il numero di individui inattivi tra i 15 e i 64 anni diminuisce dello 0,5% rispetto al mese precedente e dell’1,2% rispetto a dodici mesi prima. Il tasso di inattività, pari al 36,2%, diminuisce di 0,2 punti percentuali in termini congiunturali e di 0,3 punti su base annua. Il numero di giovani inattivi è pari a 4 milioni 393 mila, in diminuzione dello 0,6% nel confronto congiunturale (-25 mila) e dello 0,5% su base annua (-21 mila). Il tasso di inattività dei giovani tra 15 e 24 anni, pari al 73,3%, scende di 0,4 punti percentuali nell’ultimo mese mentre sale di 0,1 punti nei dodici mesi.

Annunci

Un pensiero su “La disoccupazione resta al top al 12,7%. Ma c’è un rimbalzo degli occupati (da la Repubblica – 30.04.2014)

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...