Rabbia degli utenti: «Vergogna Il servizio era efficiente» (da la Città – 30.03.2014)

METROPOLITANA
Coro di sdegno per l’imminente chiusura della tratta inaugurata a novembre I passeggeri danno la colpa al duello in atto tra De Luca e il presidente Caldoro / VIDEO

di Fiorella Loffredo

Ne sono convinti i coniugi Fedele, Anna e Gaetano, residenti al parco Arbostella e fervidi sostenitori del servizio su ferro inaugurato in città lo scorso novembre e già giunto alla sua conclusione: «È assurdo che prima si fanno le cose, spendendo fior fior di quattrini, e poi si chiudono privando i cittadini di un mezzo di trasporto che era ormai entrato nelle abitudini di viaggio dei salernitani».

Sul treno di ieri delle 17.05 in partenza dalla stazione Arechi sono saliti anche Francesca Noviello e Vincenzo Longobardi, moglie e marito provenienti da Nocera Inferiore: «Ho usato spesso la metropolitana, anche venerdì scorso per andare alla fiera del Crocifisso – afferma la signora – ma lui (indicando il suo consorte – ndr) non ci era mai salito e così ho pensato che o lo faceva in questi giorni o non avrebbe più avuto la possibilità. È un vero peccato che chiuda. Ritengo sia un servizio utilissimo e non solo per i salernitani ma anche per quelli che arrivano da fuori città come noi».

Il marito le dà man forte: «Penso che a subire i disagi maggiori saranno quanti, in mancanza di un’auto, trovavano la metro il mezzo più comodo per raggiungere l’ospedale. Mi riferisco anche ai tanti lavoratori che potevano lasciare i mezzi privati a casa contando su un servizio veloce e puntuale».

Nel convoglio in arrivo dal centro scende intanto un gruppo di ragazzi di Maiori, tutti giovanissimi, diretti al multisala di via Bandiera. «Sapete che da martedì la metro non si potrà più utilizzare?», chiediamo loro. Rispondono Pasquale Buonocore e Antonio Cretella: «Si e ci dispiace parecchio. La usavamo spesso per venire al cinema o per andare allo stadio a vedere le partite della Salernitana. Domenica prossima non sappiamo proprio come faremo».

Poi sui convogli si incontrano mamme con i passeggini, anziani, giovani donne con la borsa della palestra a tracolla, studenti diretti ai corsi pomeridiani attivati dai loro istituti, signore della periferia che da quando si è inaugurata la metro sono ritornate a passeggiare per le strade del centro. E tantissimi ragazzi, come Amedeo Amun Romano e Luigi Piero De Angelis, il primo residente a Giffoni il secondo a pochi metri dalla stazione metro Arechi, passeggeri della metro dal primo giorno della sua ttivazione: «È un vero peccato. Era l’unica cosa che davvero funzionava a Salerno – affermano – ed era praticissima. Finora l’abbiamo usata anche per andare a scuola ma evidentemente da martedì dovremo tornare ad arrangiarci con i bus».

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...