«Miccio dica se è sanabile». I permessi? «Ne manca uno» (da Cronache del Salernitano – 29.03.2014)

Vincenzo De Luca

di Andrea Pellegrino

I tempi non si prospettano brevi sul Crescent. Ed i contenziosi amministrativi pare non si fermino qui. Non fosse altro che dal Consiglio di Stato l’attesa posizione netta non c’è stata. Tant’è che le interpretazioni sono tante e tali che alla fine tutti gridano vittoria. Al centro della vicenda ora c’è il soprintendente Miccio la cui posizione attualmente non fa invidia a nessuno. Anche perché da un lato c’è De Luca che spinge per il «nuovo parere paesaggistico», dall’altro ci sono Italia Nostra e No Crescent che annunciano nuove battaglie, ed in mezzo ci sono la Procura di Salerno ed il Consiglio di Stato. E non solo. In tutto questo pare che non ci sia neppure l’ombrello della direzione regionale dei Beni Culturali che sulla vicenda Crescent, tempo addietro, si è già pronunciata negativamente. Prendendo singolarmente le posizioni: Vincenzo De Luca mostra ancora una volta le immagini delle Chiancarelle e sul Crescent è certo che la «Soprintendenza darà il suo nuovo parere paesaggistico». Per il sindaco che risponde ad Italia Nostra: «L’edificio non è abusivo. Il Consiglio di Stato ha certificato che il titolo edilizio rilasciato dal Comune è assolutamente legittimo, quindi il nuovo parere paesaggistico si può dare. Dopo anni di calvario amministrativo e tantissimi ricorsi sulle più svariate questioni si è stabilito che il 99 per cento degli atti è assolutamente legittimo, resta solo il difetto di motivazione degli atti di autorizzazione paesaggistica». Da Italia Nostra e No Crescent, invece, la visione è completamente opposta: «Innanzitutto – spiega l’avvocato Oreste Agosto – si dimentica che c’è una indagine della Procura di Salerno e che il Crescent è sotto sequestro per “lottizzazione abusiva”». Ancora dice: «Quanto ai titoli edilizi, dobbiamo chiarire che due sono stati annullati, il terzo (sul fabbricato) non c’è mai stato. Infine a nostro avviso la sanatoria resta una strada difficile. Ma comunque ora la Soprintendenza dovrà esprimersi prima sulla sanatoria e poi fornire un giudizio di merito. Riteniamo – conclude – che De Luca abbia fatto una ennesima irregolarità con l’ultimo parere fornito (ed oggi nullo) dalla commissione per il paesaggio del Comune di Salerno».

 

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...