Turchia, dopo Twitter oscurato anche Youtube per evitare la pubblicazione di segreti militari sulla Siria (da l’Huffington Post – 27.03.2014)

 Dopo Twitter venerdi scorso, in Turchia questo pomeriggio è stato bloccato anche l’accesso a Youtube. La misura interviene dopo che sulla rete sociale è uscita la registrazione di una conversazione fra dirigenti turchi su un possibile intervento in Siria.

A prendere il provvedimento, dal punto di vista tecnico, è stata l’autorità telefonica turca Tib, che non ha voluto fornire ulteriori dettagli sul blocco amministrativo. Il sospetto che abbia agito su richiesta del premier Recep Tayyip Erdoğan è fortissimo. Proprio nei giorni scorsi il governo di Ankara aveva bloccato l’accesso a Twitter in seguito alla diffusione di notizie secondo le quali lo stesso primo ministro era coinvolto in una relazione con un’amica di famiglia. Ma a preoccupare Erdogan sono anche gli scandali che stanno erodendo il suo partito. Ieri un tribunale amministrativo della capitale ha ordinato il ripristino del social network, non ancora effettuato.

La decisione di bloccare la piattaforma video è dettata dal desiderio di non diffondere ulteriormente la registrazione di una conversazione tra il ministro degli Esteri turco e il vicecomandante delle forze armate, che riguarderebbe un possibile intervento in Siria per salvare la tomba di Suleyman Shah, nonno del fondatore dell’impero ottomano, che si trova nel nord della Siria. Il video di questo dialogo è stato postato nelle scorse ore.

 

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: