Sui ritardi e i disservizi della sanità a Salerno – un grave problema che riguarda tutti! (da Citizen Salerno – 19.03.2014)

Sui ritardi e i disservizi della sanità a Salerno – un grave problema che riguarda tutti!
I continui…tagli alla sanità gettano nello sconforto i cittadini

Il diritto alla salute dell’individuo è statuito nell’articolo 32 della Costituzione italiana che detta: “La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività e garantisce cure gratuite agli indigenti”.

Una legge statale, la 833/78 ha istituito il sistema sanitario nazionale che si fonda su principi molto belli come la portabilità dei diritti di salute su tutto il territorio nazionale, la reciprocità di assistenza tra le regioni ed altri che, in teoria, dovrebbero rassicurare il cittadino per livelli soddisfacenti della qualità di questo valore primario imprescindibile.

Di fatto, ogni regione italiana, disciplina questo settore con sue leggi e provvedimenti che, nel tempo, hanno evidenziato, tra una regione e l’altra, molte differenze nella gestione di questo settore, se non proprio sperequazioni e squilibri evidenti.

Lo Stato si limita a trasferire ad ogni regione, dei fondi sulla base di parametri specifici e purtroppo per la Campania, ci sono molte criticità che, spesso, non soddisfano i cittadini che domandano servizi sanitari pubblici.

Salerno è una città popolata di giovani ma questo non vuol dire che stia bene in salute e che chi sarebbe competente, sia in grado di rispondere in modo adeguato al bisogno di salute che urge in quel momento. Il piu’ grande ospedale pubblico in città è il s. Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona. Senz’altro, nel corso degli anni, ci sono stati miglioramenti dei servizi in tale struttura, ma il problema con cui ci si può scontrare presto è la mancanza di formazione sanitaria specialistica soprattutto per le malattie rare e genetiche che, purtroppo, si verificano in città. La diagnosi esatta e rapida è vitale in questo tipo di patologie e, se viene fatta in modo errato o tardivo, può compromettere la stessa vita del paziente. A mio avviso, questo è un problema grave perché, a volte, il paziente è costretto a muoversi in altre città o in altre regioni o, addirittura, in altri paesi per ricevere cure idonee alla sua patologia. Questo ha delle ripercussioni negative sulla gestione della vita dell’individuo. A lungo termine, anche lo Stato perde perché una malattia non scoperta in tempo ha un costo sociale enorme. Pensiamo solo a quanto ci costa l’invalidità per rendercene conto.

Anche senza malattia, a volte per eseguire semplici esami clinici, a Salerno possono incontrarsi non poche difficoltà. Ogni esame, ha un costo, un ticket e ci sono cittadini che non possono permetterselo, in quel momento. Inoltre, non sempre esiste sinergia tra ASL e centri diagnostici privati convenzionati perché capita di sentire le lamentele di questi ultimi perché l’ASL non rimborsa e non paga i suoi debiti con loro. Un altro problema, è la mancanza di strutture pubbliche di riabilitazione specifica. Se a Salerno mancano le cure specialistiche, è logico che viene a mancare anche il supporto rieducativo appropriato per quella patologia. Non c’è assistenza domiciliare adeguata. Tutto è lasciato alla gestione privata, quindi chi ha i soldi si cura e chi non li ha, è lasciato al suo destino. Spesso, il lavoro di assistenza personale viene fatto dai volontari che a Salerno sono molti e si impegnano tantissimo, dando prova di quell’amore che lo Stato dovrebbe dimostrare a chi vive nel suo territorio. Il taglio delle risorse statali in Campania, è naturale perché i livelli essenziali di assistenza qui non sono buoni in confronto a quelli di altre regioni, quindi diminuendo i fondi, non ci sono i soldi per potenziare il personale sanitario nella ricerca e per adeguare le strutture già esistenti a standard più alti per migliorare la qualità dei luoghi di offerta di tali prestazioni.

Annalisa Miceli

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...