Economia, Renzi-show. Dieci miliardi di euro per rilanciare l’economia (da la Repubblica – 13.03.2014)

di GIANLUCA LUZI

Renzi ama l’azzardo, ma non il bluff. Gioca con carte che gli danno una buona possibilità di vincere la partita. Lo si è visto con la sfida delle primarie che lo ha portato alla segreteria del Pd. Lo si è visto con la legge elettorale che è stata approvata alla Camera come promesso dal presidente del consiglio. Lo si è visto con la scalata a Palazzo Chigi dove però è entrato senza una vera legittimazione popolare che solo le elezioni politiche possono dare. E’ il “peccato originale” del governo Renzi, come ha scritto Massimo Giannini ripreso in questa definizione dall’Osservatore Romano. E proprio per emendarsi da questo peccato originale il presidente del consiglio non deve fallire nemmeno una mossa: quello che promette lo deve mantenere. La scommessa sul pacchetto economico varato dal consiglio dei ministri è molto ardita. Si tratta di far ripartire l’economia asfittica con un investimento di dieci miliardi e senza sforare il limite del 3 per cento nel rapporto deficit/Pil. Come dice lo stesso Renzi che ama twitter come l’azzardo si tratta di passare dall’hashtag #lavoltabuona a #lasvoltabuona. Le misure erano state anticipate da qualche giorno, ma vederle in fila fa una certa impressione. Abituati all’immobilismo dei governi italiani precedenti sembra una rivoluzione. Con alcuni colpi di teatro che riscuotono sempre successo, come la vendita all’asta delle autoblu comprese quelle dei ministri. Il grosso è naturalmente il taglio delle tasse per i redditi medio-bassi. Adesso il governo deve tradurre in pratica i provvedimenti annunciati dal premier e il ministro Padoan deve trovare le coperture che peraltro Renzi ha minuziosamente enumerato. La reazione delle opposizioni è rabbiosa, quella del Pd ancora non si sa. Oltre a quella della “svolta” economica per Renzi prosegue anche la sfida delle riforme. Approvata alla Camera, la legge elettorale va al Senato dove riprenderà lo scontro sulle quote rosa e sulle preferenze. Renzi ha annunciato che fra quindici giorni porterà in Parlamento il disegno di legge per abolire il bicameralismo perfetto. Sull’abolizione del Senato il premier si gioca tutto.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...