Crescent, anche il ministero chiede un chiarimento al Consiglio di Stato (dal Corriere del Mezzogiorno – 03.03.2014)

LA NOTA INVIATA DAL MIBAC

Ma l’Ufficio di Gabinetto rilancia: decide Soprintendenza

SALERNO – Adesso tutto dipende, nuovamente, dal Consiglio di Stato per la procedura di autorizzazione del Crescent. Perchè prima della società del gruppo Rainone, che ha presentato una nuova istanza al tribunale romano, era stato l’ufficio di gabinetto del ministero dei Beni Culturali ad avanzare un’analoga proposta. Che, successivamente, è stata impugnata dalla società di costruzione dell’opera. In sostanza, il 29 gennaio dall’ufficio di Gabinetto del Mibac parte una lettera indirizzata alla Soprintendenza. Nella quale si evidenzia che «secondo una lettura interpretativa preferibile», per il nuovo iter sulla legittimità paesaggistica del Crescent è opportuno seguire la «disciplina ordinaria del Codice dei beni culturali e del paesaggio». Ovvero che deve essere la Soprintendenza ad esprimere un parere decisivo.INTERPRETAZIONE – «Allo scopo di risolvere rapidamente questa incertezza», dal Mibac è partita una richiesta per il Consiglio di Stato. «Si è convenuto di attivare – è scritto nella lettera – previo parere dell’Avvocatura generale dello Stato» una istanza «ai fini di ottenere chiarimenti del Consiglio di Stato».

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...